030.3730916 | contact@sapeonline.it
Via Vallecamonica 17/A 25132 - Brescia

#sistri

#MUD – Modello Unico di Dichiarazione Ambientale

Servizi integrati di consulenza SAPE

#MUD : confermato l’obbligo anche per l’anno 2015, nonstante  dovesse essere sotituito dal SISTRI Ricordiamo che anche per l’anno 2015 ( riferimento movimenti anno 2014) rimane in vigore l’obbligo di presentazione del #MUD Sono soggetti al #MUD con scadenza al 30 aprile 2015: a) i produttori iniziali che producono rifiuti pericolosi a prescindere dal numero … Leggi tutto

semplificazioni SISTRI

Tracciabilità dei rifiuti

Con il decreto 126/2014 arrivano finalmente le semplificazioni SISTRI, pertanto si conferma che Sistri resta obbligatorio per: – produttori iniziali di rifiuti pericolosi aventi più di 10 dipendenti – recuperatori, smaltitori, trasportatori, intermediari di rifiuti pericolosi – produttori di rifiuti pericolosi derivanti da operazioni di recupero/smaltimento, – gli operatori intermodali (trasporti di rifiuti pericolosi con … Leggi tutto

MUD: scadenza al 30 aprile

Calendario formazioni SAPE

Sono soggetti alla comunicazione in scadenza al 30 aprile 2014 : * imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero, smaltimento, trasporto a titolo professionale, commercio e intermediazione senza detenzione di rifiuti pericolosi e non; * imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi; * imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti … Leggi tutto

Sistri – scheda segnalazione

Studio shot of hand touching computer monitor

Il Ministero dell’Ambiente ha predisposto, sul proprio sito, una scheda segnalazioni per permettere agli utenti di inviare richieste di chiarimento in merito a difficoltà riscontrate nell’utilizzo del Sistri. La scheda è stata pubblicata nella sezione “Utilità” del sito dedicato al Sistri, affiancata da istruzioni e modalità di invio.

SISTRI – avvio dal 1 Ottobre

Ambiente

Conferma ufficiale il Sistri sarà operativo dal primo ottobre 2013. L’avvio del sistema riguarderà solo i gestori di rifiuti pericolosi e non anche i produttori degli stessi. In sede di prima applicazione della disciplina, assicura il ministero dell’Ambiente, si prevede una moratoria dell’applicazione delle sanzioni per le violazioni meramente formali.