030.3730916 | contact@sapeonline.it
Via Vallecamonica 17/A 25132 - Brescia

Individuazione delle aree prioritarie a rischio radon in lombardia

In ottemperanza alle prescrizioni della Legge Regionale 03/2022 e del Dlgs 101/2020, Regione Lombardia ha provveduto ad individuare “le aree prioritarie”, ovvero Comuni nei quali più del 15% degli edifici presenta al piano terra concentrazioni di Radon superiori ai limiti di riferimento stabiliti dalla legge.

Per questo motivo è stabilito che tutte le attività lavorative che si collocano in queste aree sono obbligate al monitoraggio della concentrazione media annua di Radon non solo nei locali interrati ma anche in quelli parzialmente interrati e collocati al piano terreno.

Il monitoraggio va successivamente ripetuto ogni 4 oppure 8 anni a seconda dei casi

Il monitoraggio del Radon rientra anche fra le prescrizioni previste dal DLgs 81/08 in materia di radiazioni ionizzanti. Termine di adeguamento fissato in 24 mesi (giugno 2025).

 

Le aree individuate come “prioritarie” non sono le uniche in cui il problema esiste bensì quelle in cui si è ritenuto di dare una priorità agli interventi di sensibilizzazione, che devono essere estesi a tutta la regione.

SCARICA L’ELENCO
DEI COMUNI CLASSIFICATI PRIORITARI

 

Il radon è un gas radioattivo naturalmente presente in natura la cui esposizione è direttamente correlata (per concentrazione e durata) al rischio di insorgenza di tumori polmonari

Questo gas è presente in modo ubiquitario nell’ambiente in cui viviamo in quanto risale dal suolo; occasionalmente ne possono essere rilevate tracce in materiali da costruzione o nell’acqua potabile.

La presenza del radon non è rilevabile dagli esseri umani in quanto incolore e inodore, ma è misurabile a causa della sua radioattività: per questo dunque è determinante valutarne la concentrazione, considerando che non esiste un valore soglia al di sotto del quale il rischio sia considerabile nullo.

Lo scopo della norma è quello di sensibilizzare la popolazione rispetto ad un rischio ubiquitario e sinora poco noto e di informare sui modi con cui si può gestire e ridurre.

INFORMATI E CONSULTA IL
CODICE EUROPEO CONTRO IL CANCRO

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email